20 anni dalla scomparsa del più grande tifoso del Genoa


Ebbene sì, il più grande tifoso del Genoa, ma anche il più grande cantautore: Fabrizio De André.

De Andrè ci ha lasciati l'11 gennaio 1999, vent'anni fa.

Egli era un grande fan della squadra rossoblu che, all'inizio di questo campionato, lo ha omaggiato indossando la maglia con una sua celebre frase al posto dello sponsor:

Al Genoa scriverei una canzone d'amore, ma sono troppo coinvolto


Un aneddoto curioso del De Andrè tifoso lo rivelò un altro cantante, suo sodale di tifo: Francesco Baccini. Un giorno Faber seppe che un tifoso della Sampdoria, saputo del suo tifo per i cugini, aveva bruciato tutti i suoi dischi. Fu sconvolto dalla notizia. Baccini gli disse: "Ha fatto due autogol. E' un tifoso doriano e da quel momento è senza i dischi di De André". 

De Andrè ci ha lasciato dischi che sono capolavori della letteratura che purtroppo oggi sono spesso dimenticati. A scapito, ad esempio, di chi raglia "cherofobia", una voce che trent'anni fa non avrebbero preso neanche per cantare le canzoni dei cartoni animati, o del rapper griffato che cita Faber a sproposito nei suoi smielosi versetti, dedicati al figlio (griffato), da "temino" delle elementari.

De Andrè ce lo teniamo stretto, noi che lo abbiamo sempre amato.


Concludo, ricordando Faber con una delle sue canzoni meno note, ma una canzone così potente, emozionante, sognatrice.

L'ottico, brano del disco "Non al denaro non all'amore né al cielo" (come noto, rivisitazione di alcune poesie dell'Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters).

E' forse un paradosso ricordare il più grande con una sua canzone dedicata alla percezioni sensoriali della vista. Tuttavia il nostro cuore, grazie alle canzoni di Fabrizio, ha visto, sentito, toccato, annusato mondi, quelli che pupille abituate a copiare e orecchie abituate al raglio purtroppo non potranno mai visitare.

Commenti

  1. Il rapper griffato mi ha fatta morire. Ahahha
    Comunque l'unica canzone che conosco bene di De Andrè è "Bocca di rosa", e sarebbe azzeccatissima nella società attuale.
    Per il resto, sono troppo giovane per apprezzarlo come merita (non che tu sia anziano, ma lo sembri 😜).
    Resta, però, una voce bellissima che si fa ricordare ed una penna eccellente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Griffato in due sensi (con tutti i "marchi" che ha tatuati sulla pelle).
      De Andrè in realtà ho iniziato ad ascoltarlo da bambino, ma è da ragazzo adolescente che è scoppiata la passione.

      Elimina
    2. Non è mai troppo tardi per avvicinarsi a Faber... le sue parole oggi sono sono altrettanto potenti e attuali di ieri! :)

      Elimina
    3. Già, non è mai troppo tardi :P

      Elimina
  2. Grande De Andrè. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. A volte penso di essere affetto non da "cherofobia", ma da semplice malinconia, perché il nuovo mi sembra anche molto povero, però sono davvero d’accordo con te, un poeta vero come De Andrè non lo rivedremo mai più. Per me la capacità di quelli bravi, ma bravi davvero, è di far sempre facile qualcosa che non lo è, che sia che so, giocare a calcio o scrivere versi che mentre li ascolti pensi, ok posso scriverli anche io delle rime così… Si provaci! ;-) Per me resterà per sempre irripetibile, come i grandi campioni dello sport, quindi ci sta a pennello questo omaggio sul tuo blog ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questo bellissimo commento Cass <3.
      La mia paura è che tra una cinquantina d'anni Faber sia dimenticato.
      Speriamo che ci sia sempre qualcuno, tra le giovani generazioni, che porti avanti la passione per questo grandissimo artista.

      Elimina
  4. Questo post me l'aspettavo proprio... ;) Anch'io stamattina non ho potuto farne a meno:
    www.instagram.com/p/BsfS-Zelwjf/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai citato la mitica audiocassetta blu-arancione...
      Quella è veramente un totem per noi

      Elimina
    2. Indiscutibilmente... e dobbiamo ritrovare assolutamente il quadernetto! :)

      Elimina
    3. Il quadernetto sarà perso in qualche scatolone nei meandri della nostra cantina o soffitta :D

      Elimina
  5. Ciao! Forse saprai che, pur abitando nella provincia di Milano, la casa al mare della mia famiglia è a Varazze, tra Genova e Savona. Lì De André non è solo un cantante… è praticamente un culto! La mia focacceria preferita ha sempre e solo i suoi dischi al posto della radio; il Comune organizza sempre dei tributi; ci sono persino artisti di strada che suonano le sue canzoni sul Lungomare, ed il pubblico che si forma ad ascoltare ed a cantare è più partecipe di quello che spesso ti capita di vedere a Milano in Corso Vittorio Emanuele. Capirai che quindi, per me, le canzoni di Faber sono un po' un pezzo di cuore…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un focacceria nella quale passano solo canzoni di De André: praticamente il paradiso :D.
      Bellissimo: se un giorno dovessi mai trasferirmi, ho già un'idea del posto in cui andare a vivere :)

      Elimina
  6. Manca moltissimo Faber a tutti noi, chissà cosa penserebbe della situazione italiana attuale..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che i buongiornissimo kaffè lo prenderebbero di mira...
      De Andrè comunque aveva anticipato il "decadentismo" della società italiana in uno dei suoi ultimi capolavori, "La domenica delle salme".

      Elimina
  7. Sei riuscito a inserire Faber anche su questo blog 😁
    Che coglione il doriano, ci sono molti VIP che tifano Lazio, Giuve e Inter ma non per questo li rinnego come artisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Io sono un mago nel trovare collegamenti risibili XD.
      A parte gli scherzi, ho già dei post etichettati come EXTRA, ma ancora non li ho pubblicati.
      Una sezione che ho pensato ricordando il Play Sport e Musica, l'inserto extra calcistico del Guerin Sportivo. Vedremo!

      Elimina
  8. u.U E un chimico? Dove lo metti un chimico?! :P

    RispondiElimina
  9. Attendevo il tuo post sul grande Faber, anche stavolta scritto in maniera sublime.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti Cav,
      pensa che fino a ieri sera non c'era nessun post.
      L'ho scritto di getto dopo aver visto lo speciale di Rai Uno!
      Mi fa piacere che tu abbia apprezzato.
      E ti ringrazio ancora per il link messo sul tuo blog!

      Elimina
  10. Ecco, questo è quello che mi piace di te. Entro qua, pensando di  partecipare ad una nuova "lezione di calcio", ben contenta di sbrogliare, pian piano, il mio grosso "ingorgo calcistico", e (sempre grazie a te) fare un po' di luce su:  calciatori; situazioni calcistiche; partite; chi appartiene a chi... E invece: oggi è vacanza... e che vacanza! È un piacere leggere come, in punta di piedi ma risoluto, depenni l'incompetenza, e lucidi il podio di chi merita.
    Grazie, e complimenti, per essere quel che sei, sempre e comunque.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi possono toccare tre cose: mamma, sorella e De Andrè.
      Quindi per De Andrè sono capace delle peggiori cose se qualcuno dovesse dire qualcosa che non gradisco XD.
      A parte gli scherzi, la battaglia musicale la porto avanti da tempo perché - pur essendo il primo a cui piace anche la musica da autogrill, come sottofondo quando faccio altro - è incredibile che certi personaggi della musica siano elevati a idoli quando non hanno un briciolo di carisma e di cultura, quella cultura che De Andrè trasformava in versi indimenticabili.
      Grazie per aver apprezzato e grazie per i complimenti :)

      Elimina
  11. Un grande cantautore. Ricordavo questa sua grande passione per il Genoa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era tifosissimo e da giovane non era male neppure con la palla tra i piedi, secondo quanto ho letto nella sua biografia :D

      Elimina
  12. Io penso invece che non sarà dimenticato, e che le sue canzoni resteranno molto a lungo. Bel modo di ricordarlo e capisco la sua ritrosia a scrivere qualcosa sul tifo per la propria squadra. Non è facile, essendo una cosa molto intima e primodiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alligatore,
      spero tu abbia ragione e che le sue canzoni siano veramente eterne :)

      Elimina
  13. Sfondi una porta aperta. Fra altri vent'anni (spero io di esserci ancora) saremo qui a riscrivere le stesse cose su Faber. Abbraccio siempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Farfalla,
      io spero che tra vent'anni siano i bambini di oggi a scrivere di Faber..
      E trent'anni dopo i loro figli..

      Elimina
  14. Ho amato - da prog impenitente - gli arrangiamenti fantastici delle PFM che insieme a lui hanno dato vita ad una pagina di musica incredibile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro gioiello della produzione di Faber. Ridare vita ai suoi capolavori unendosi alla Pfm.
      Io guardo sempre ad Andrea e al Testamento di Tito.
      Bellissime entrambe le versioni, anche se le originali mi lasciano più pelle d'oca e quelle con la Pfm mi danno una forte carica.

      Elimina
  15. Sei riuscito a rendergli gran merito con questo post non discostandoti dalla tua traccia: ovvero lo sport.
    Conosco l'album che scrisse ispirandosi all'Antologia di Spoon River. Amando l'Antologia volli ascoltarlo tanto tempo fa. Ora lo cerco in vinile (sono un po' fissata sarebbe il massimo trovare quello con l'errore di ortografia nel titolo) ma prima o poi...
    Buona serata e scusa il ritardo nel commentare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun ritardo, assolutamente :)
      Certo che su Faber avrei sempre tantissimo da dire: ma come hai sottolineato tu, sono partito dal tema di questo blog e solo alla fine ho messo una delle sue canzoni.
      Invece, per quel che concerne "Non al denaro non all'amore nè al cielo", ho fatto il contrario tuo: prima il disco e poi l'antologia.
      Spero che la tua ricerca vada a buon fine :)

      Elimina
  16. So quanto sei attaccato a De Andrè, e quindi mi unisco anch'io a quest'omaggio ;)

    RispondiElimina

Posta un commento